Please wait while your page is loaded...
goloasi
Sei in Home / Curiosità & Tradizioni / Il Tartufo di Pizzo
12 Giugno 2018

Il Tartufo di Pizzo

Avete già definito la meta delle vostre vacanze? Se ancora siete indecisi e non sapete se preferire l’azzurro del mare, il verde della natura selvaggia o le architetture storiche delle città d’arte, noi di Goloasi.it potremmo aiutarvi.
Oggi vogliamo accompagnarvi nella punta dello stivale, all’estremo sud dell’Italia, in Calabria, terra lambita dalle splendide acque del mar Ionio e del mar Tirreno.

Il clima accogliente, gli splendidi colori del mare, le coste rocciose alternate a litorali sabbiosi, la sua natura selvaggia e misteriosa, i sapori intensi e genuini della cucina locale e le testimonianze delle sue antiche origini rendono la Calabria un posto unico, da ammirare sia d'inverno che d'estate.

Chi ama la natura, i suoi profumi, i suoi misteri potrà addentrarsi nell’entroterra calabrese, scoprendo un paesaggio puro e incontaminato, dove immense distese di verde sono interrotte dal blu di laghi e cascate.

Chi, invece, vuole abbronzarsi sotto i caldi raggi del sole o immergersi in un mare cristallino, potrà scegliere fra le tante graziose località che costellano le lunghe coste tirreniche e ioniche.

E per coloro che vogliono conoscere il passato di questa terra, culla della Magna Grecia e terra di antichi insediamenti, la Calabria offre un’ampia scelta fra chiese e monasteri, castelli e palazzi, borghi e luoghi dove sopravvivono usi e tradizioni secolari. Per tutti e per ogni gusto però, vi lasciamo conquistare dai sapori di una terra che nasconde, oltre che bellezza, anche antiche e nuove bontà.

Se vi trovate nella zona centrale della Calabria, in uno spazio incastonato tra Cosenza e Reggio, nel territorio di Vibo Valentia, tra il Golfo di Sant’Eufemia e quello di Gioia Tauro, di fianco alla Costa degli Dei, potreste farvi catturare da un esperimento culinario riuscitissimo, che, grazie alla sua particolarità e alle sue varianti, ha presto riscosso notevole attenzione.

È il Tartufo di Pizzo, dal tenero e morbido cuore che si fa abbracciare dall'intenso gelato bagnato con l’inconfondibile cacao amaro. A Pizzo Calabro, conosciuta come la “città del gelato”, ci sono circa venti gelaterie che vendono il vero tartufo artigianale locale, alcune delle quali esportano il prodotto tipico anche in altre regioni. Nato intorno agli anni ‘50 dello scorso secolo, il Tartufo di Pizzo è un gelato alla nocciola che viene modellato a forma di semisfera, rigorosamente nel palmo della mano, con un cuore di cioccolato fondente fuso e ricoperto da una spolverata di cacao amaro e zucchero. La produzione è tradizionalmente artigianale ed è il primo gelato in Europa ad aver ottenuto il marchio IGP. Circa 125 gr di bontà. Un colore marrone scuro conferitogli dal cioccolato e dal velo sottile di cacao dalla consistenza liscia che racchiude un nucleo di cacao semifluido, dall’aspetto vellutato e semilucido e dal sapore di cioccolato fondente. Dal gusto morbido e pieno del cioccolato e della nocciola senza traccia di aromi estranei agli ingredienti naturali usati, il Tartufo di Pizzo sa come farvi completare il panorama con il sapore della terra che vi accoglie. 

Al gusto tradizionale però, si può scegliere la variante con l’amarena sciroppata racchiusa nel nucleo o, per palati più esigenti, alcune gelaterie e pasticcerie offrono di accompagnare il Tartufo con della panna fresca o direttamente affogato nel liquore, come il Sammarzano, il Marsala, il Whisky o il Grand Marnier.

A queste prelibatezze, alcune gelaterie regalano la possibilità di scegliere anche un Tartufo al pistacchio o alla mandorla, o ancora, un tanto apprezzato Tartufo bianco, con un gelato al cioccolato bianco all’esterno con nucleo interno fondente al caramello, alcune volte accompagnato alla macedonia.






Ti potrebbe interessare...


INDIETRO