Please wait while your page is loaded...
goloasi
Sei in Home / Curiosità & Tradizioni / Per la festa di Ognissanti, un piacere tutto partenopeo. Il cioccolato si fa Torrone… dei Morti.
26 Ottobre 2018

Per la festa di Ognissanti, un piacere tutto partenopeo. Il cioccolato si fa Torrone… dei Morti.

Avreste mai immaginato che il periodo in cui si commemorano i defunti fosse festeggiato con una prelibatezza da far scaldare i cuori?

Lo abbiamo scoperto in Campania, dove la tradizione narra che nella notte del 1 novembre le famiglie usavano preparare la tavola per salutare i loro cari. Ma se in alcune zone della nostra Italia si dispongono biscotti, focacce o frutta, è in Campania che si sceglie il Torrone dei morti.

Non il torrone comunemente conosciuto, ma un intrigante incontro di cioccolato.

Un tronchetto di squisito cioccolato al latte che si fonde, nella versione tradizionale, con il sapore delle nocciole, donando così alla ricetta un mix di sapori davvero irresistibili. Per il suo carattere morbido e deciso, il Torrone dei morti è uno dei dolci di pasticceria artigianale campana più diffuso, ottimo da regalare, fantastico da colazione fino a cena.

Passeggiando per le vie partenopee non si può restare indifferenti davanti alle vetrine di pasticceria che raccontano, con i diversi colori, le varianti di questa specialità.

Il torrone dei morti, infatti, si può preparare in tantissime varianti a partire dal cioccolato bianco, quello al latte, fino ad arrivare a gusti più fruttati, aggiungendo per esempio della frutta candida. Il nome deriva probabilmente dalla sua forma, che ricorda un po’ la bara o “tauto” in dialetto napoletano. Ma vi assicuriamo che si tratta di un attentato alla linea che vale la pena provare.

E per chi vuole osare e sperimentare gli accostamenti che i maestri cioccolatieri fanno, non resta che addentare il Torrone al caffè, al pistacchio, alla nutella, alla zuppa inglese, alla cassata. Per non parlare dei deliziosi torroni Kinder o gli stravaganti Oreo, Lion e cereali Nesquik. Ogni passo è un'emozione per la vista ed ogni assaggio è una coccola. Ecco che potete farvi tentare dal gusto gianduia, un grande classico da non sottovalutare; o ancora il torrone al Ferrero Rocher del quale è possibile ammirare anche la calotta di cioccolato croccante con noccioline, la sfoglia di wafer friabile che separa il morbido ripieno e l’inconfondibile cuore di crema al cioccolato con nocciola al centro. Per i palati più raffinati, il Torrone al rhum, con un cuore di cioccolato liquoroso al punto giusto, e per i più estrosi quello al gusto ricotta e pera, può rappresentare una vera delizia.

Vi abbiamo incuriositi? Non vi resta che fare tappa in Campania e approfittare delle temperature autunnali per entrare nelle “fabbriche del cioccolato” e farsi conquistare, morso dopo morso, dalle fantastiche squisitezze dei Torroni dei morti. Ogni pasticceria vi riserverà una sorpresa con varianti di gusto che non potrete lasciarvi scappare.




INDIETRO